Odio il weekend.
Devi per forza uscire e divertirti.
Devi per forza metterti in tiro.
E questi ragazzoni che ti guardano il grosso culo con la fidanzata anoressica al fianco.
E questi mariti che vogliono montarti con la moglie frigida al fianco.
Ma non hanno letto le tue storie?
Non sanno che sei una terribile megera?

Quando viaggi on the road e conosci qualcuno questo qualcuno ti porta altrove.
Quando conosci qualcuno su internet rimani lì dove sei.

Odio i centri commerciali.
Sono la tomba dei morti viventi.
Sono la fine dei weekend fuori porta.
Tutti ammassati là dentro a cercare una finta speranza di essere altri.
I centri commerciali sono il simbolo del capitalismo stesso e vorrei vederli tutti chiusi e al loro posto dei centri culturali.
Ma so già che sarebbero deserti i centri culturali perchè la gente vuole consumare e morire. Morite tutti cazzo!!!Morite di shopping e levatevi dalle palle.

Amo le ragazze timide e impacciate.
Imbranate e ingenue.
Senza unghie colorate e senza trucco.
Amo i loro kili di troppo e lo sguardo basso.
Ma ne esistono ancora?
Dove stanno le ragazze timide?

2013 ranbia sfogata
2019 ancora rabbia sfogata
Uomini che si sfogano sulle donne.
Uomini assassini.
Le donne hanno paura!!!!
Non accettano più di uscire o conoscere qualcuno.
Le donne non vogliono rischiare.

blog.iodonna.it/marina-terragn

Le donne devono star zitte e sopportare.
Devono lasciar sfogare.
Le donne non possono avere esigenze e bisogni.
Se parli vieni aggredita dalla sua rabbia.
Se parli rischi la morte.
Perchè lui può ucciderti.

Da dove nasce la rabbia maschile?
Frustrazione? Delusione? Rifiuto?
Stress da lavoro?
È orribile vedere quei visi distorti, i denti pronti a mordere o a dire cose orribili.
Perchè tanta rabbia?
È bruttissimo avere davanti una persona arrabbiata.
Gli si annebbia la mente e non controlla più le parole e le azioni.
Odio la rabbia.

Certi uomini sono come bambini che aspettano sempre un giocattolino nuovo.

Tu dormi sopra il mio tetto.
E quando tu non dormi io sogno.
Spgno dentro i tuoi sogni e li cancello.
Tu dormi sopra la mia coperta.
Lasci fiori sopra la mia testa.
Nessuno sa nulla delle nostre ombre.

Chi ti ha detto che io aspetto ancora te?
Io non aspetto nessuno.
Non aspetto neanche il treno.
Non aspetto la vita.
Non aspetto la morte.
Non ho paura di morire.
Tu eri terrorizzato dalla tua stessa ombra.
Gli uomini sono dannosi.
Io mi sono curata da questa malattia.

Sono prigioniera della mia casa.
Questa casa ingoia tutte le mie energue.
O forse è la mia vicina schizofrenica.
La sua malattia attraversa i muri.
Ed io soffro.
Sono prigioniera di una vita merdosa.
Avevo chiesto di portarmi via da qui.
Bell'amico sei stato!!!
Mi hai lasciata qui a morire.
Che tu sia maledetto!!!

Mi chiedono:
Ma perchè di sera non sei mai connessa?
Ed io rispondo:
Ho una vita reale, esco, vado al cinema, al pub, a teatro, a cena da amici, in palestra, ..insomma, non vivo in un mondo virtuale.
Ma che cavolo!!!
Non vivo dentro un videogioco e non faccio giochi di ruolo!
Sono viva, reale, e non vegeto!

Non ho msi sentito dire ai miei nonni o ai miei genitori che si annoiavano o che erano stressati o che erano depressi.
Invece adesso qualsiasi persona nuova che conosco prima o poi mi rivela la noia della sua vita.
Allora internet ha davvero distrutto la vita a tutti!

Avete un profilo pubblico su qualche social? Sappiate che sapranno anche il vostro indirizzo e quando siete da soli/e.
Ce lo avete privato?
Allora sappiate che sapranno lo stesso tutto di voi!
Dite a tutti di non postare foto dei figli. Non dite mai quando non siete a casa.
Non fate edere mai foto della vostra casa.
Pedofili e ladri sono sempre in agguato.
Non date mai il vostro nome e cognome a sconosciuti.
Non date mai il vostro cell a sconosciuti.
Evitate che vi rapiscano i figli!!!!

Mi chiedono di continuo:
Hai Instagram?
Hai Telegram?
Stai su Facebook?
Mi dai il cell?
Ma davvero pensate che abbia tempo da perdere come voi su questi siti idioti? 🤔

Ho portato il mio amico Aspie da tanti dottori ma nessuno ha avuto il minimo gesto umano per lui. Tutti leggono le diagnosi e poi "avanti un altro". È davvero assurdo che una persona geniale sia trattata così. Io piango per lui perchè a volte vuole morire ed io non so cosa fare. Questa società è veramente schifosa e fa vivere persone in gamba recluse e senza possibilità di un aiuto concreto. Ho contattato associazioni che parlano parlano e parlano ma non s'è visto nessuno 🙁

A me dispiace moltissimo che il mio migliore amico sia un genio della musica ma nessuno lo sappia. Lui mi dice che non importa. Ma a volte lui digiuna e si fa del male perchè i suoi genitori non lo accettano. È un adulto lasciato a se stesso, abbandonato. Solo io gli sto vicino. E lui mi racconta molte cose e mi fa ascoltare le sue sinfonie meravigliose. Ho visto tanta gente famosa nelle foto di Sanremo e il mio amico Aspie invece chiuso a casa. Penso che non sia giusto.

Il mio migliore amico è Aspie ed è triste perchè esiste un razzismo verso le persone "diverse" molto subdolo e di cui non si parla mai. Lui prova a fare molti colloqui di lavoro ma quando si accorgono che ha qualcosa allora lo segano. Se trova lavoro non resiste più di una settimana perchè ha anche l'Adhd e nonostante abbia fatto sedute e sia stato seguito da uno psichiatra, nessuno lo aiuta. Vive da solo. I genitori lontani e lui è un genio compositore ma nessuno lo aiuta a farsi conoscere.

Sapete io cucio con ago e filo, senza usare nessuna macchina da cucire. Cucivo borse della spesa e collane e orecchini e copertine... Adesso meno cose perchè ho un problema al polso. Cucire senza usare l'elettricità è ancora possibile.
Io non stiro quasi mai. E vivo lo stesso bene. Sapete quanta energia si risparmia? Tantissima 😊

ideegreen.it/come-risparmiare-

Ci sono tante persone che fanno cose creative e che non sono valorizzate. Tutti comprano cose firmate e l'artigianato sparisce. Pensateci prima di fare un regalo a qualcuno/a e comprate cose fatte a mano.

lepaperecreative.blogspot.com/

Show more
Mastodon Bida.im

E' un social network autogestito. L'amministrazione tecnica e' supportata dal collettivo bida. Per maggiori informazioni leggi il nostro manifesto. Il nodo e' autogestito anche attraverso la mailing list. Per contattarci mastodon [AT] bida.im