"Dobbiamo abituarci all'idea del confinamento. Non perché l'epidemia non finirà mai, ma perché quando finirà dovremo affrontare un altro tipo di confinamento che vivevamo già ma avevamo dimenticato. Tutte quello che avremo capito di noi, o no, dovremo saperle riusare nel prossimo grande confinamento. Quando potremo uscire dovremo affrontare di vivere in una terra finita, confinata. E quello che viviamo ora, comprese le forme di governo, è una grande prova generale per quello che sarà dopo. Dobbiamo tornare "terrestri" nel senso di uomini della terra e che si rendono conto della finitezza dello loro spazio, come ora ci rendiamo conto della finitezza delle nostre case e di tutti i loro problemi."
Bruno Latour scopre l'ecologia.

@scaramouche88 questa meccanizzazione dell'essere umano ha raggiunto una popolarità che trovo preoccupante. Il corpo senza la mente non è niente, isolarlo ed elevarlo a componente primo dell'entità umana è assurdo. Tutte le percezioni, i ragionamenti, le passioni, l'orientamento sessuale e ogni altra caratteristica che fanno di un esemplare di Homo sapiens un individuo esistono nella mente, non a caso esiste la diagnosi di morte cerebrale (che lascia il corpo perfettamente funzionante ma alla stregua di un vegetale), mentre invece Stephen Hawking pur intrappolato in un corpo malato e morente ha fatto in tempo a rivoluzionare l'astrofisica.

@Antanicus sfondi una porta aperta. È una dicotomia che trovo "vetusta" e senza senso. L'esempio che mi fa sempre incazzare è tutto ciò che è psicosomatico: per la medicina meccanicista è una roba da niente, per chi usa un approccio più "spirituale" è l'unica fonte di problemi. Ma al Cristo. Comunque il poero Bruno non ne parlava per mettere i due in opposizione, ma per sottolineare per quali meccanismi, durante il confinamento, queste due "entità non separabili" sono andate insieme e per quali hanno diverso...

Sign in to participate in the conversation
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida