Follow

Apprendo con qualche giorno di ritardo che ha acquistato , il servizio simil-StreetView realizzato in crowdsourcing dagli stessi utenti e basato sulle mappe di
Brutta notizia: Mapillary è un'azienda privata ed il catalogo d'immagini raccolte è sempre stato distribuito con licenza libera, tuttavia la vendita PROPRIO a Facebook fa incazzare non poco, anche perché Mapillary è pure integrato in OsmAnd l' App-coltellino svizzero di OSM.
Sarebbe auspicabile che , un progetto simile ma meno sviluppato, acquisisse il database di Mapillary. Ma la vedo dura. Brutta notizia. Brutta davvero. 😕

blog.mapillary.com/news/2020/0

@Ca_Gi ma questo bastardo ingoia tutto? Zuckenborg del menga

@Filippo Già 😒
Mi chiedo anche per Mapillary fosse effettivamente necessario vendersi.

Facebook già utilizza le mappe OSM e l'uso del database a fini commerciali del database Mapillary se non sbaglio avveniva dietro pagamento (ma beh Facebook non ha problemi di cassa). Adesso Mapillary offre il suo database gratuitamente anche per fini commerciali.

Temo proprio una brutta piega per il progetto 😖

Di certo ora si può già ritenere che fornire foto a Mapillary o semplicemente usarne l'App significa anche regalare dati personali a Facebook.

@Ca_Gi infatti. Tra l'altro mi piaceva pure era ben fatta. Servono alternative. Io, a quel maledetto non voglio darla vinta.

@Ca_Gi comunque, cambiando discorso, vedo che anche tu, a sonno non stai messo bene.

@Filippo Dipende dai punti di vista: secondo il fuso orario di Anchorage ho un sonno regolarissimo 😅

@Ca_Gi ecco, a proposito, applicazioni di fusi orari, ne hai nel tuo cilindro magico?

@Filippo Banalmente ho sempre usato gli orologi di default in.ogni dispositivo: bene o male ormai tutti sono in grado di segnalare le ore di località diverse

@Filippo Esatto. Non so nemmeno se esistano app più dettagliate nè se qualcuno possa avere esigenze particolari riguardo i fusi orari

@UxFxTx @Filippo su OsmAnd comunque Mapillary è giusto uno dei tanti componenti e non è obbligatorio utilizzarlo.

@Ca_Gi @UxFxTx l'ho utilizzato ed era meglio dell'altro più famoso.

@Ca_Gi @Filippo Facebook usa le mappe di here, come Amazon. non so se Facebook usa pure OSM…

@Ca_Gi

Non basta badare alle licenze

Bisogna badare al business model

Le architetture client/server spesso associate a business model tossici

@AbbieNormal
Si, assolutamente, senza nemmeno una policy o un'idea di privacy dietro ce ne si fa poco delle licenze.

Anzi certe app vengono sviluppate con successo e raggiunta una certa valutazione vengo vendute e inghiottite dai big data, l'esempio più grande è whatsapp.
@Ca_Gi

@Ca_Gi
Contributi aziendali al progetto OSM, per lunghezza di strade mappate
1) MapBox; 1.69 milioni di km
2) Apple: 1.64 milioni di km
3) Facebook: 0.8 milioni di km
mdpi.com/2220-9964/8/5/232

@jgeeraerts Grazie mille! Articolo davvero molto utile per riordinare le idee! Dunque, i possibili motivi dell'interesse di Facebook nell'acquistare sarebbero:

1) Minare Google, che al momento domina il mercato consumer delle mappe online, supportando e rendendo liberamente accessibile anche per fini commerciali un database di immagini livello-strada paragonabile a quello di Street View. Un po come fece Google supportando Android quando sul mercato c'era solo l'iPhone.

2) Sfruttare le capacità tecnologiche di Mapillary nei progetti di Facebook sulla realtà aumentata (su cui è già al lavoro per non perdere il treno)

3) Aumentare il dataset geografico di Facebook, che già usa OpenStreetMap e piuttosto che pagare Mapillary per poterne usare i dati ha fatto prima ad acquisire l'azienda.

@Ca_Gi Avendo perso un po' di tempo a raccogliere immagini per Mapillary, ho pensato molto all'acqusizione nei giorni scorsi, ne avevo pure scritto un thread a più riprese.

https://fed.giorgiocomai.eu/notice/9wLiZpbBuiiH4eTf8K

A farla breve (non brevissima):
0. tra tutte le schifo di compagnie di questo pianeta, proprio FB?

1. OpenStreetCam non è la soluzione, ora è di proprietà di un'azienda che mi rassicura ancora meno di FB

2. FB ha una certa pratica di collaborazione con OSM, e in questi anni ha iniziato a rilasciare dataset dati geografici con belle licenze CC-BY... senza illusioni sulle motivazioni, non mi sembra implausibile che per qualche anno continuino a fare i "buoni" in questo settore

3. ho cercato di fare il costruttivo sui forum di mapillary - https://forum.mapillary.com/t/mapillary-joins-facebook/4163/21?u=giocomai - proponendo soluzioni preferibili, ad acquisizione praticamente avvenuta, ma (anche al di là del mio commento specifico) da Mapillary c'è silenzio completo e no reazioni su social e forum (non un bel segno).

4. nei forum e altrove si vede spinta a cancellare immagini, a smettere di contribuire, ecc. - senza un piano B, cancellare immagini a licenza aperta raccolte sistematicamente, è la strada sbagliata anche se, fa male dirlo, quelle immagini in questo momento sono su server di proprietà di Facebook Inc. - per inciso, Mapillary era una azienda privata a fini di lucro anche prima, importante anche non mitizzare la situazione pre-acquisizione

5. è un grosso dibattito, ma la nuova licenza (libero utilizzo a fini anche commerciali per tutti) a me sembra meglio della precedente, perché anche solo un pochino riduce l'estrema centralizzazione dei dati in questo contesto in mano di pochissimi con tanti soldi [qui c'è una riflessione che secondo me è quella davvero centrale su "data as the new means of production", invece che "data as the new oil", ma divago]

@g Da un lato tendo a voler essere costruttivo pure io: è sì un'azienda privata ma che aveva creato e gestito un modello favorevole (database con licenza libera per usi non commerciali mentre per l'uso commerciale era previsto un pagamento che permetteva a Mapillary di farci un guadagno e investire nel software.

Vorrei sperare che l'interesse strategico di Facebook per un Mapillary libero e collaborativo (ossia gli ingredienti che ne han permesso uno sviluppo tanto rapido e capillare) possa essere superiore ad un interesse più terra-terra.

Ecco, un megainvestimento di Facebook con richiesta di aprire la licenza d'uso del DB Mapillary l'avrei anche potuta accettare in toto, così come altre formule di legame con FB che mantenessero Mapillary indipendente. Ma l'acquisizione diretta mi fa inorridire

@Ca_Gi È un po' questa la mia preoccupazione: se ci tengono davvero ai collaboratori volontari, secondo me avrebbero pensato una soluzione che urti meno sensibilità (che FB ha un problema di reputazione, a maggior ragione per il tipo di persone che può contribuire al progetto, mi sembra ovvio). Forse (è invece la speranza) ci stanno ancora in qualche modo pensando, e troveranno il modo di uscirne bene.

La versione meno ottimista è che Facebook li ha comprati per acquisire staff con competenze di machine learning di questo tipo e relativi dati invece che far crescere team interno (tanto i soldi non san dove buttarli), e che dei volontari non gliene frega niente, tanto hanno altre risorse per raccogliere quel tipo di immagini, o hanno in mente altre partnership per raccgliere immagini (che ne so, sparo a caso una sciocchezza, fai un accordo con azienda di corrieri, e in breve hai un sacco di roba).

Una delle cose interessanti di Mapillary era che il loro machine learning era - a differenza di Google - esplicitamente mirato anche a pezzi di pianeta diversi dal nord america, e contesti dove non necessariamente c'era un business evidente.... vedremo.

@g La tua seconda ipotesi è quella più inquietante e l'acquisizione diretta difatti potrebbe indicare proprio un programma di questo tipo.
Osserviamo ciò che accade ma senza illuderci troppo... 😒

Ciao @Ca_Gi, sai qualcosa, invece, della notizia che google e apple cancelleranno i dati raccolti? Sembra una cagata

@Marcovaldo Non ne so nulla,ma in effetti, quando parlano di 'cancellare i dati' è comunque sempre una presa in giro: possono benissimo cancellare i dati grezzi che tu hai fornito ma tenersi le analisi che hanno fatto su questi dati!

E siccome, per quanto grandi, Facebook ed Apple una volta ogni tanto una spolverata ai propri server presumo la diano comunque, in pratica potrebbero benissimo venderci le loro pulizie periodiche per questo meraviglioso "cancelleremo i dati"

Sign in to participate in the conversation
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida