Compagnə, occhio, ci stiamo incartando.
Ci sono account qui sopra che non vanno d'accordo, hanno visioni diverse su alcuni temi, o semplicemente non si sono presə. EVVABBÈ.
Non mi pare il caso di rendere questo il tema centrale di tutte le istanze italiane di Mastodon.
Torno a scrivere di questo perché vedo scrivere *solo* di questo.
Non dobbiamo per forza interagire con tuttə. Non dobbiamo avere tuttə le stesse idee su tutto.
Sarò individualista, ma se un account mi innervosisce o intristisce troppo spesso, io silenzio.
Non mi sembra una tragedia e non credo sia un serio impedimento alla rivoluzione.
Semplifichiamoci la vita.

@Ofelia
chiedo accoglienza qui nel thread degli ofeliani militanti, anche se proprio oggi ho preso una posizione diversa.

Sono spesso stato zitto per non alimentare i vari flame, ho anche scritto "in casi di irrecuperabile incompatibilità il blocco è uno strumento di pace"

ma oggi, a fronte di nuovi fuochi e di altri utenti che se ne vanno, ho deciso che tocca affrontare il problema, che sta solo peggiorando.

Sono stufo di trovare tutti i giorni sempre le stesse polemiche, vedere come guastano il clima e allontanano utenti. Mi disturba soprattutto l'effetto sulla comunità.

E quindi ora ne parlo anch'io.

Più che d'accordo che non bisogna incartarcisi, e menomale che c'è qui pensa e ricorda che le cose belle di bida devono continuare, e le fa continuare. E' anche il mio obiettivo.

Per me, stiamo lavorando per la stessa cosa

@naivespeaker sì, ho letto quello che hai scritto oggi e l'ho apprezzato, come sempre.
Ovvio che non scrivevo riguardo alla questione del sostegno al nucleare su cui ho la stessa posizione di holon e tuttə voi.
Penso però che alcuni altri conflitti si autoalimentino senza ormai portare a nulla di costruttivo e sarebbe meglio concentrarsi su altro, magari ignorandosi.
Tipo ma irl voi non ce l'avete unə che vi sta antipaticə e che cercate di evitare quando lə incontrate? Non è normale che accada anche qui? Bo, forse sono io.
Poi le conseguenze del "fare qualcosa" come istanza mi perplimono anzichenò (che facciamo, diamo delega a qualche forma di autorità che decida chi ha ragione e banni chi ha torto? O che decida come e cosa si può scrivere? Mi viene da svenire)

@Ofelia
Finora ho fatto come dici, evito di interagire con quell* con cui non mi piglio, e resto anche bello sereno.

Però:
1. mi accorgo che c'è un effetto pesante sulla comunità (discussioni distruttive, incartamenti, utenti che se ne vanno per autodifesa), e penso sia ora che questa si difenda

2. mi sono convinto che il caso non sia buonafede da gestire con lo strumento "reciproca comprensione" ma malafede da combattere.
Ho dissotterrato l'ascia.

Sul che fare poi, hai ragione: è tutt'altro che facile. E secondo me questa difficoltà ha contribuito a renderci passivi sulla situazione mentre peggiorava.
La mia ascia si chiama "consapevolezza".

Sveliamo i trucchi, erodiamo i piedistalli, eliminiamo i vantaggi di posizione che possono essere impropriamente usati. Diciamoci queste cose e vediamo come va.

Cmq: brutta la guerra.

@naivespeaker

Ma per "utenti che se ne vanno per autodifesa" ti riferisci a chi ha scelto di usare prioritariamente account su nebbia e cisti? A me pare ottima cosa che ci si ridistribuisca un po' tra le istanze, e con quegli account continuo a interagire senza problemi, non li percepisco come allontanati

Il mio sogno proibito è una bida tóta bulgnaiṡ e decine di istanze locali

@Ofelia

@zeppe
Si, e poi quelli che si sono dichiarati in sciopero per protesta, e quelli che si sospendono per qualche giorno perché infastiditi/turbati dal clima.
Per fortuna non sono separazioni dure e definitive, ed anche io continuo ad interagire, ma sono segnali forti di disagio, non sono separazioni fisiologiche per crescita o localizzazione.
Appena un gradino più sotto ci sono anche quelli che restano ma lamentano il clima greve,
più sotto quelli "che gli passa la voglia", tra cui mi metto anch'io.

A me personalmente disturbano più questi (legittimi) effetti di secondo ordine, il disagio della comunità, che i flame in sè.

@Ofelia

@naivespeaker

Ma quali soluzioni alternative a mute e block individuali ci sarebbero?

- La proposta di assemblea interistanza mi pare già naufragata

- delegare lə admin o chicchessia a decidere chi ha ragione e bannare chi ha torto è impensabile, come diceva @Ofelia

quindi?! Continuiamo a ripeterci adosso quanto siano a disagio a oltranza? O silenziamo, blocchiamo e andiamo avanti?

Abbiamo di fronte una crisi economica epocale, finalmente stiano tornando nelle piazze, qui di dovrebbe dedicare energia a raccontare per filo e per segno cosa sta avvenendo, non a cercare impossibili composizioni agli scazzi in un ambito che NON è un collettivo, non deve raggiungere unanimità

@zeppe

Oltre a quello che dici tu, questo è anche un posto che, a fronte di una merda epocale, dovrebbe essere una risorsa preziosa per il benessere mentale di chi la frequenta, ed invece ha in questo momento l'effetto opposto.

Parto dall'inizio e procedo nell'ordine.

Pensi che ci sia un problema in bida?
Secondo me c'è.

Se c'è, dobbiamo stare zitti o vogliamo fare qualcosa?
Io voglio fare.

Cosa vogliamo fare?

"Tira avanti, don't feed, magari silenzia o blocca", che tutti conosciamo ed abbiamo adottato per mesi, hanno solo fatto peggiorare il problema.

Vogliamo provare ad essere creativi? Io sì.

Quindi (mi ripeto):

capiamo i trucchi, i piedistalli, i vantaggi abusivi di posizione che vengono usati e smontiamoli uno per uno

[spoiler: vi informo che NON li abbiamo capiti e li abbiamo subiti].

1/2

@zeppe

Sgombrati gli ostacoli, in campo aperto, ciascuno avrà quello che cerca. Finché non smetterà di cercarlo lo avrà.

Finora non è successo perché siamo "troppo buoni".

Non serve neppure l'assemblea, per farlo.
Basta acquisire la consapevolezza dei trucchi,
capire che è necessario lottare,
rassegnarsi a sporcarsi le mani e muovere il culo.
Un* utente, un'ascia.

Potrà essere divertente fare l* fenomen* quando hai di fronte una persona che si fa degli scrupoli,
lo sarà meno con venti persone convintamente incazzate, coscienti dei trucchetti che usi.

2/2

@naivespeaker

Per carità, io non farò nessuna guerra a nessunə qui dentro. Non ho nemmeno mai silenziato nessunə. Neanche gente assurdissima (ricordate nimopunk?). Per me tuttə possono dire quel che vogliono, finché si sta in policy. Poi decido io chi ho voglia di leggere e chi no. Ogni tanto qualcosa mi infastidisce ma sono bazzecole, dopo un minuto mi sono scordato. Ho ben altri problemi nella vita. In passato qui polemizzavo di più, ma sto cercando di smettere, il più delle volte non ne vale la pena. Non ho altro da aggiungere.

@zeppe
Invece io ho ancora delle domande da farti:

Tu sei un amministratore di bida?
Se non lo sei siamo a posto così.

Se lo sei. questa è la posizione del tuo io amministratore?

Se sì, è una posizione condivisa dagli altri amministratori?

E già che ci sono, chiedo agli @admin di esprimere esplicitamente la loro posizione su questa situazione, visto che, in mesi che dura, non me ne è mai pervenuta nessuna.

@naivespeaker
(Parlo per me, non è il parere del collettivo)
Per me c'è un problema di trolling.
Parlando con diorama mi era piaciuta l'idea della bandierina anonima che credo sia stata proposta da te.

@zeppe @admin

Follow

@jops

Sempre a titolo personale, per me noi admin non siamo né sbirri né assistenti sociali, interveniamo se ci sono violazioni di policy, io fin qui non ne ho viste.

Mai vorrei ci si chiedesse di decidere nel merito delle discussioni, di stabilire quali opinioni siano lecite e quali no (vedi anche questione nucleare), quali modi di interagire siano corretti o quali no, finché In policy. Mi sembrerebbe autoritario e pericoloso.

@naivespeaker @zeppe @admin

@jops

Da nessuna parte, non era una risposta a te specificamente ma alla questione generale, mi rendo conto che per come erano messe le menzioni poteva sembrare, errore mio 🌼 :ancomheart:

@QuentinQuire @naivespeaker @admin

@

Sign in to participate in the conversation
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida