A Saluzzo oggi i lavoratori delle campagne e i loro solidali sono scesi in piazza con un presidio davanti al comune, ottenendo un incontro con Sindaco e VicePrefetto. Questi hanno ignorato le richieste, rispondendo con falsità ed ipocrisie. E allora si blocca la strada all'ingresso della città.

Servono case per tutti, SUBITO!
Non possiamo accettare che al bisogno di case le autorità rispondano con polizia ed esercito.
ANCHE IN ITALIA L'ARIA È IRRESPIRABILE: razzismo e violenza poliziesca sono all’ordine del giorno!

CASA PER TUTTI, GHETTI PER NESSUNO!

BASTA RAZZISMO, BASTA SFRUTTAMENTO!


www.facebook.com/bracciantinlottaSaluzzo/

"I braccianti ci servono, ma ora che non possono lavorare non si meritano manco un euro."

Davanti all'emergenza COVID, ai braccianti è proibito andare a lavoro, ma subiscono poi gravi discriminazioni contro, venendo esclusi dall'accesso ai sussidi governativi.

Da Roma alle amministrazioni locali, i governanti si lamentano della mancanza di manodopera, ma nel frattempo rendono impossibile sopravvivere a chi rimane bloccato nei ghetti e nelle tendopoli. Contratti, documenti e case per tutti avrebbero prevenuto le tragiche condizioni attuali. I lavoratori delle campagne sanno di cosa hanno bisogno, lo dicono chiaramente da anni, e continueranno a farlo.

BASTA DISCRIMINAZIONI!
SEMPRE CONTRO RAZZISMO E SFRUTTAMENTO!

www.facebook.com/comitatolavoratoridellecampagne/posts/3210557642343672

FOGLI DI VIA E DENUCE PER LE COMPAGNE FERMATE A SAN FERIDNANDO: SIETE VOI AD AVERE PAURA

Lo scopo di queste brutali misure repressive e' ovviamente intimidatorio, ma è l'autorità a mostrarsi debole, tentando di stroncare sul nascere ciò che sa di non poter contenere né reprimere. Mentre le compagne erano trattenute in stato di fermo, le numerose macchine della polizia che costantemente piantonano la tendopoli sono state cacciate dagli insulti degli abitanti.

La Lotta non verrà spezzata da due fogli di via, non sarà questo a intimorire chi vede i propri amici e i propri compagni morire di razzismo e sfruttamento.

Non vi sarà paura ma soltanto altra rabbia, ci vogliono deboli e silenziose, ci troveranno sempre piu' risolute.
SOLIDARIETÀ ALLE COMPAGNE E A TUTTI I LAVORATORI E LE LAVORATRICI DELLA PIANA

SAN FERDINANDO: COMINCIA LA STAGIONE, RICOMINCIA LA LOTTA

Stamattina un gruppo di braccianti ha protestato davanti alla tendopoli di San Ferdinando per pretendere l'apertura delle tende per i numerosi lavoratori in arrivo. Vogliamo case per tutti/e!

Lo scorso mercoledì, davanti all'arbitrario tentativo di sgombero di alcune tende all'interno della tendopoli di San Ferdinando, gli abitanti e le abitanti dell'insediamento hanno portato avanti una strenua resistenza contro l'ennesimo sopruso istituzionale, impedendo che venissero distrutte molte delle tende dove vivono.
Inoltre alcuni lavoratori hanno iniziato a organizzarsi in maniera autonoma per pretendere un aumento di salario dal loro datore di lavoro, considerate le tante ore lavorate in condizioni estreme, minacciando di scioperare tutti se le loro richieste non verranno esaudite.
Qui la testimonianza di uno di loro, per ricordarci che davanti a sgomberi, repressione di stato e sfruttamento dei padroni l'unica risposta valida è sempre la lotta.

facebook.com/watch/?v=93859528

NÉ SGOMBERI NÉ CAMPI!
SOLIDARIETÀ CON I LAVORATORI E LE LAVORATRICI DELLA FELANDINA!
Come in Capitanata e nella piana di Gioia tauro, la politica degli sgomberi continua: stamattina è avvenuto lo sgombero dei capannoni della “Felandina” a Metaponto di Bernalda (Matera).

Show more
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida