Follow

Magdi Allam che dice “non hanno bisogno di andare in Africa ad aiutare i bambini poveri perché ci sono tanti bambini indigenti in Italia” mi dà un certo disgusto.

· Tootle for Mastodon · 1 · 0 · 1

@chakuari Quando feci la patente l'istruttore ci spiegò che all'esame scritto a qualunque domanda che contenesse la parola 'spinterogeno' si poteva andar a colpo sicuro rispondendo 'falso'.

Qui vale lo stesso principio: qualunque cosa che vien dopo "Magdi Allam ha detto" può esser cestinata senza rimorso.

@Ca_Gi Un paio di punti del suo discorso offrivano delle domande e degli spunti di riflessione interessanti e degni di essere approfonditi, sebbene con le mie poche conoscenze in materia mi riesce difficile. Ma alcuni atteggiamenti ed esternazioni (tipo questa sui bambini) mi hanno disgustato. A me hanno sempre insegnato che il “prossimo” non è solo chi ci sta “vicino” fisicamente, ma chi soffre al pari di noi, e quindi tutti, per cui mi sembra poco cristiano questo suo commento.

@Ca_Gi Per esempio, l’aspetto giuridico di come siano visti Cristianesimo e Islām dal Stato italiano, e quindi diritti e doveri e privilegi, meriterebbe di essere approfondito, perché condiziona il modo di porsi nei loro confronti. Per esempio, Allam sostiene che l’Islām vada contro l’ordinamento giuridico italiano, quindi in base all’articolo 8 della nostra Costituzione qui non dovremmo avere neanche una moschea. Magari ha ragione, ma da questo punto di vista anche il Cattolicesimo ha alcuni ->

@chakuari @Ca_Gi -> aspetti che potrebbero risultare contro il nostro ordinamento (gay, aborto...). Mi è stato fatto notare che il C. si è adattato alle nostre leggi e l’Islām no, ma hanno mancato di notare che, se anche fosse vero, PRIMA di questo cambiamento non avremmo dovuto avere chiese.

@chakuari Mi sa tanto una delle solite ipersemplificazioni di Allam.
La Costituzione esprime due concetti chiari: tutti i cittadini, di qualunque religione, vengono rispettati (art.3) e le confessioni diverse da quella cattolica possono organizzarsi a meno che non siano in contrasto con la legge (art.8).

Per questioni prettamente politiche il rapporto con la chiesa cattolica è più marcato (la costituzione è stata stilata solo 18 anni dopo i patti lateranensi) ma è ben specificato che "Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani" (art.7).

"Indipendenti" significa che lo stato italiano può legiferare in base a principi diversi da quelli cattolici (pur rispettando i patti lateranensi).

Perlomeno a livello costituzionale, dunque, lo stato italiano potrebbe benissimo promulgare >

@chakuari > leggi basate di fatto su principi filosofici buddhisti ma garantendo sempre dei margini di sicurezza ai cattolici.

Detto questo però, sempre a livello costituzionale, i princìpi che devono stare alla base della legislazione non sono legati ad una religione. Al contrario la costituzione è fatta in modo tale da permettere che la formulazione delle leggi possa riflettere la cultura del periodo storico in cui viene emessa, sia essa basata su sentimento religioso o meno.

C'è poi da osservare che se nessun articolo della Costituzione parla di promozione di una qualche religione, c'è l'art.9 in cui vien ribadito che "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica", con l'art.4 si promuove il diritto al lavoro, con l'art.5 promuove le autonomie locali ed >

@chakuari > "il più ampio decentramento amministrativo", e con l'art.11 promuove le organizzazioni internazionali atte ad assicurare "pace e giustizia fra le nazioni".

Al netto delle differenze tra gli articoli in sè e la loro attuazione/interpretazione, è particolarmente evidente che non vi sia alcuna dipendenza formale nei confronti di nessuna confessione religiosa (nemmeno da quella cattolica, nonostante le sia garantito un rispetto speciale rispetto alle altre).

Detto questo è evidente che l'influenza e l'eredità storica della religione cristiana e del Vaticano hanno un peso enorme sulla mentalità diffusa, sulle abitudini e sulla formazione del senso morale ma se, così come il cristianesimo s'impose sulle religioni tradizionali antiche, nei prossimi anni il cristianesimo fosse >

@chakuari > culturalmente schiacciato dal culto dell'Invisibile unicorno rosa it.m.wikipedia.org/wiki/Invisi le leggi potranno seguire principi 'unicornici' senza che vi sia bisogno di cambiar la Costituzione

@Ca_Gi Certo. Resta da vedere quindi la posizione dello Stato nei confronti dell’Islām in particolare, dato che pare non vi siano accordi formali come avviene invece per alcune confessioni buddhiste, ebraiche o cristiane.

@chakuari Anche qui, per ragioni prettamente mediatico/politiche, i governi italiani sono molto ostici nell'accettare il fatto stesso di stilare un'intesa con le rappresentanze islamiche:

Fonte1: islamitalia.it/islamologia/con

Fonte2:
m.famigliacristiana.it/articol

Sign in to participate in the conversation
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida