Ho recuperato questo giro di tavolo di sabato scorso dal titolo "Un decennio di Open Data: una vittoria a metà?" m.youtube.com/watch?v=NtZkNecI dove c'erano @quinta e @aborruso tra gli altri/e.
Un piacere amaro ricordarsi quanto fatto gli scorsi dieci anni (mi viene in mente la vecchia sintesi sui 7 anni di Spaghetti Open Data del 2018, una vita fa dagoneye.it/blog/2018/03/10/se).
Nostalgia della movimentazione di certi anni, certo, soprattutto per la bellezza di trovarsi attorno a persone che avevano voglia di "hackerare la società".
Oggi la consapevolezza è diversa.
La tecnologia, se sfruttata, impatta sui meccanismi di potere. Ma serve maggior cultura civica che impatti sui poteri, serve riprendersi quegli spazi.

A proposito di , domani alle 18 segnalo una live sui canali YT della comunità di Opendata Sicilia m.youtube.com/watch?v=VRjtYMza . Sarà l'occasione di discutere e riflettere con Adhara D'Amico sulla sua tesi - zenodo.org/record/7094210 - che ha approfondito il legame tra capitale sociale e civic hacking, con uno sguardo rilevante alla comunità di Opendata Sicilia. È stato bello darle alcuni spunti da cui partire, grazie al lavoro fatto su civichacking.it/ .

Qualche appunto per riflettere sempre più su quanto sia necessario ricordarci di quanto sia fragile l'infrastruttura informativa e di accesso a cui siamo abituati. Essere sconnessi da Internet come Paese, come comunità più o meno grande crea impatti sull'esercizio delle proprie libertà davvero ampi. Avere maggior consapevolezza delle tecnologie e degli strumenti che si possono usare come alternativa è un buon punto di partenza per abbozzare delle strategie di difesa e di sopravvivenza: carnegieendowment.org/2022/03/

Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida