Belgrado, Serbia. Pare che i lacrimogeni utilizzati nella repressione delle proteste siano scaduti. Le bombolette ritrovate per terra riportano la scritta 2012 o anche 1997. I lacrimogeni sono composti chimici che degradano nel cianuro. Sembra che diverse persone accusino sintomi molto gravi, soprattutto ai polmoni. Pare che almeno 7 cani poliziotto siano morti come risultato dell'esposizione ai lacrimogeni. In tutto questo come reagisce il governo? Sostengono che la polizia non ha mai utilizzato lacrimogeni, sarebbero i manifestanti stessi ad averli portati da casa per attaccare la polizia.

In Serbia è molto comune avere le maschere a gas (nonostante siano del tipo vecchio, quelle con i filtri di amianto, e dunque potenzialmente dannose), ma sostenere che uno conservi anche le armi chimiche è follia pura.

Ho tradotto e rifatto un'immagine di propaganda facile e leggera. So che molti non concorderanno sul definire socialista la Jugoslavija (io stesso non concordo) ma credo sia un utile espediente. In ogni caso è un esempio di cosa significa una società che non basa la propria prosperità sulla guerra e sulla prevaricazione.

Letteralmente l'antenato delle cene benefit
(Opere complete vol. 8 di Marx&Engels)

A quanto pare l'anarchismo ha portato al Gabibbo. Compagni libertari, è ora di riscoprire il bolscevismo.
("Pinelli, una storia", Paolo Pasi, Elèuthera, 2019, p. 46)

@vukbuk Finito adesso, tanta roba. Leggendo il passaggio in cui viene mostrato il collegamento tra Giuliani e il decoro in Italia ho avuto un senso di illuminazione, come quando capisco la dimostrazione di un teorema.

Come il compagno Putin mantiene la linea dura con Erdogan...

(Dimostrata la stupidità abissale dei "geopolitici" nostrani che di fronte al massacro dei kurdi invocavano il suo intervento divino.)

Varco il confine e Renzi si leva dai coglioni, arrivo a casa e ci sono (una parte de)i libri presi coi soldi di Renzi...

Ho finito questa biografia politica e la qualità dello scritto è molto superiore a quella che ci si aspetterebbe da un piccolo collettivo come . Un ritratto critico il cui unico obiettivo è quello di spingere ad approfondire il suo pensiero direttamente dai suoi scritti.

Portrait of a Trotskyist (Narodni muzej u Beogradu, National Museum in Belgrade)

Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida