Pinned post

Si può cantare anche
nei tempi oscuri?
Si canterà lo stesso,
Si canterà l'oscurità dei tempi.

Bertolt Brecht. (1944)

gioq boosted

Questa sentenza rovescia la realtà in un modo vergognoso e ricorda gli anni bui del paese, non solo della repubblica ma anche quelli precedenti. Più che una sentenza è una vendetta contro un amministratore pubblico che ha inteso il suo mandato non come una carriera ma come un impegno civile, come una espressione di umanità. E’ l’impegno di Mimmo che viene punito, il suo senso civico, così come Martin Luther King veniva messo in prigione.

Show thread
gioq boosted

Una moderatissima sinistra degna di questo nome farebbe una campagna per liberarsi di Brunetta esattamente come Salvini fa con Lamorgese. Per la verità basterebbe anche un qualsiasi centrista del XXI secolo che non pensi che il futuro siano i panini e le bottigliette di acqua minerale. Ma non abbiamo nessuno dei due, quindi il ministro della pausa pranzo ce lo teniamo.

gioq boosted
gioq boosted

“Agosto è bello starsene a casa con la città vuota nessun rompiballe in giro, magari arrivi che senti la tua solitudine farsi pesante ma è un gioco diverso ed essere soli fa molto più male in mezzo alla gente, allora sì che è doloroso e pungono le ossa e il respiro è davvero brutto, come vivere un trip scannato e troppo lungo.”

Pier Vittorio Tondelli

gioq boosted

Forze dell'ordine che indicano alla telecamera il luogo del misfatto

Meraviglia dello stare bene
quando le formiche mentali
non partoriscono altre formiche
e si sta leggeri come capre sulla rupe
della gioia

Mariangela Gualtieri, Le giovani parole

Danzare deve avere un fondamento diverso dalla pura tecnica e dalla routine. La tecnica è importante, ma è solo un presupposto. Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti. Ma ci sono anche dei momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che fare. A questo punto comincia la danza

camminamente.it/racconti/131-r

Mi sveglio e dico: sono perduta.
È il mio primo pensiero dell’alba.
Comincio bene la giornata
con questo pensiero assassino.

Signore, abbi pietà di me –
è il secondo, e poi
scendo dal letto
e vivo come se
nulla mi fosse accaduto.

Nina Cassian

(Enigma: io sono la mancanza - la mancanza che sono
- sono ciò da cui manco - sono tutta mancanza - e non
c'è nostalgia - neppure lontananza - essendo ciò che
manca - adesso e sempre - io)

Mariangela Gualtieri

gioq boosted
gioq boosted

"autopercepirsi sulla convenienza del momento "

Pillon in Senato il delirio su ddl Zan

mentre aspetto che salga il caffè per non addormentarmi scopro che la roja non c'è più :0520: :fire_laughing:
argentina brasile

gioq boosted

@gio Con "Nove marzo 2020" Gualtieri mi cadde dal cuore, ma poi leggo le poesie più vecchie e mi ricordo perché è stata così importante.

"... Nei Quaderni è raccolta anche la fatidica poesia diretta a Stalin, “il montanaro del Cremlino” dalle “tozze dita come vermi grasse” e “gli occhioni da blatta.... Era un tempo in cui le lettere si scrivevano in segreto e le poesie venivano nascoste nella federa dei cuscini. Sapevano essere grati, i poeti, sapevano risorgere, rude era la loro innocenza.
Mandel’štam vs. CCCP - L' Intellettuale Dissidente
lintellettualedissidente.it/in

Forse si muore oggi – senza morire.
Si spegne il fuoco al centro.
Sanguinano le bandiere. Generale è la resa.
Ciò che nasce ora crescerà in prigionia.
Reggete ancora porte invisibili dell’alleanza
bastioni di sereno. Puntellate il bene
che si sfalda in briciole in cartoni.
Il popolo è disperso. In seno ad ognuno cresce
il debole recinto della paura – la bestia spaventosa.
A chi chiedere aiuto? E’ desolato deserto il panorama.
Si faccia avanti chi sa fare il pane.
Si faccia avanti chi sa crescere il grano.
Cominciamo da qui.

Mariangela Gualtieri, Bestia di gioia

gioq boosted

Un racconto che ogni volta che ci ripenso mi fa sempre ridere è il Teatro degli Orrori al 25 Aprile di Fornacette - evento a metà tra giovanile e famiglia - di qualche anno fa. Capovilla si lancia nel suo Majakovskij e a un certo punto, dopo già qualche paragone, arriva al verso "Se io fossi silenzioso..." e durante la pausa drammatica dal pubblico un tipo del luogo urla "Come cosa? Come il DIO CANE?!". Capovilla scoppia a ridere. Il pubblico scoppia a ridere. Sipario, applausi ❤️

" Da quali Golia fui concepito così grande, e così inutile?"

"Il Teatro degli Orrori - Majakovskij"
youtu.be/b6a6It3k540

Cosa succede?

Non so cosa mi spaventa di più, il potere che ci schiaccia o la nostra infinita capacità di sopportarlo.

Gregory David Roberts

Show older
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida