Abbandono l'account.
Non mi interessa più stare qui.
Saluti e buona fortuna a tutt*.

Ho fatto qualche tentativo di sostenere la comunità in cui ero entrato.

Convintomi che ci fossero dei problemi ho cercato di parlarne, ma non ho ottenuto grandi risultati.
Ho frequentato un po' l'unico luogo in cui se ne voleva parlare e l'iniziativa che, per me, aveva lo scopo di affrontare questi problemi (per me non era una contestazione agli admin).

Oggi ho scoperto che pare essere un'iniziativa distruttiva per la comunità.
Intanto quello che volevo evitare dilaga, diventa pratica ordinaria.

Si profila un gioco a cui non mi interessa partecipare.

Speravo di far qualcosa di utile, ma non ne vedo più la possibilità.
Fragili, questi social.

Lascio.
Ci sono tante altre cose da fare da altre parti.

Ciao @naivespeaker
penso che il contenuto dell'iniziativa, parlare delle modalità con cui ci si relaziona, sia fondamentale. Proprio per questo non capisco perché si debba utilizzare una modalità che prevarica gli spazi e i tempi che ci siamo dati per discutere. Questo non significa che non ci debbano essere gruppi di studio o di lavoro che ragionano su questioni specifiche e poi riportano o meno in assemblea. Però chiamare un'assemblea come fosse quella di istanza senza che questo passi a essere discusso nella lista socialbida mi sembra fuori dal metodo che ci siamo dati. La metafora che ho abbozzato e che ha ben reso @PuncoX mi sembra un buon modo per capire questo punto.

@naivespeaker
Scusami, la premessa è che proprio per non buttare alle ortiche il lavoro fatto varrebbe la pena non mollare e provare a parlarsi. Come peraltro abbiamo tutte fatto allass d'istanza. Personalmente se tu dovessi lasciare la riterrei una grave perdita e mi dispiacerebbe si determinasse per incomprensioni.
@PuncoX

@jops @J

Io SONO convinto che in gran parte la situazione sia originata da incomprensioni,

MA il fatto che da incomprensioni, magari nate meramente dalla povertà dei mezzi on-line, si sia arrivati a questa situazione dimostra quanti problemi abbiamo a relazionarci costruttivamente.

Il problema che si voleva risolvere sembra più forte di noi. Forse ce ne siamo accorti troppo tardi, forse è irrisolvibile.
Se solo per affrontarlo bisogna squassare l'istanza abbiamo già fallito, quindi meglio lasciar perdere.

Però SE vogliamo fare un tentativo di risolvere le incomprensioni non mi tiro indietro.

1/3

@jops @J

Premesse sui nodi centrali del caso:

1. Se invece di Assemblea si chiamasse "Ricerca di buone pratiche di convivenza nei social" a me personalmente farebbe piacere: spiegherebbe meglio il suo obiettivo.

2. Non l'ho mai pensata come un'assemblea di istanza rivolta contro gli admin. Nel sub-pad potete vedere che le proposte sono in ambito diverso da quello delle assemblee di gestione.

3. Mi sarebbe piaciuto che partecipassero tutti, admin per primi, all'incontro ed alla sua organizzazione.

4. La storia è stata tormentata sin dall'inizio, ed è cresciuta contorta per i molti ostacoli che ha trovato sul percorso. Rinfacciarsi le rispettive ineleganze non è un modo costruttivo di affrontare la questione e non mi interessa. L'unico modo accettabile è sforzarsi di comprendere le diverse posizioni.

2/3

@jops @J

SE interessa
per affrontare le incomprensioni, posso raccontare come interpreto la situazione, e possiamo partire da lì.

Sarebbero opinioni personali, ma credo siano condivise da altri, e chi della stanza matrix non le condividesse farà cosa gradita portando la propria posizione.

NB: Non scorrerò le timeline: non le reggo più, ho smesso di leggerle.
Leggo solo menzioni o indicazioni dirette.

3/3

@naivespeaker @J
Certo che interessa. Però a questo punto forse è meglio usare un mezzo migliore come la mailing list.
Invitando, chi ancora non l'ha fatto del vostro gruppo a iscriversi.

@jops @J
Va bene.
Scriverò alla mailing list
autistici.org/mailman/listinfo

e ne discutiamo là.

Vado anche nelle due stanze matrix (più che un gruppo siamo utenti che si sono trovati ed hanno parlato in quel luogo), spiego questa cosa che faremo ed invito chi frequenta le stanze a partecipare.

PS: scusate la mia poca tempestività, ma c'ho i tempi lunghi di natura e qualche altra faccenda.

Follow

@jops @J

ho lanciato questo messaggio nelle due stanze matrix

1/2
Forse avete visto che, partendo da qui
mastodon.bida.im/@naivespeaker
e, seguendo il thread con J e Jops, arrivando qui
mastodon.bida.im/@naivespeaker
abbiamo deciso di provare a sciogliere le incomprensioni che ci sembrano la causa principale della tensione cresciuta intorno alla proposta di assemblea.

Mi sono offerto di raccontare come interpreto la situazione, per iniziare la discussione nella mailing list
autistici.org/mailman/listinfo

segue

@jops @J

2/2
Parlerò a titolo personale, se non per le cose che sento di poter dichiarare condivise all'unanimità dai promotori dell'assemblea (lavoro sul consenso invece di votazioni, temi nello spazio le tra azioni individuali e quelle istituzionali, nessuna discussione di casi personali), ma spero di dire cose che non rappresentino solo me, e che la discussione possa essere di utilità generale. Io apro le danze, ma è gradita la partecipazione di tutti.
Chiedo solo, a chi vorrà partecipare, di condividere l'approccio: non rinfacciarsi le rispettive ineleganze, ma sforzarsi di comprendere le posizioni diverse dalla propria. Credo sia necessario per la riuscita.

@jops @J

Come concordato ho scritto alla mailing list socialbida (autistici.org/mailman/listinfo), fornendo del materiale iniziale per la discussione che si svilupperà là.

Sign in to participate in the conversation
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida