Che barbarie, all'ufficio metto il Preludio del Parsifal di Wagner e mi dicono di abbassare perché il volume è troppo alto.

Che stolti.

Comunque voi lo sapete che con sto fatto del caso Cospito tutte le istanze autogestite sono stra-monitorate da guardie?

Robo :erogun: boosted

Il doposcuola è massacrante. Ma quanto è bello lavorare SENZA CAPO

Dopo sei ore di doposcuola e la mattinata in ufficio oggi sono ufficialmente andato.

Ma io che ci faccio qui? In un ospedale? A sistemare i computer? Io ho dedicato la mia vita allo studio, all'arte, alla musica, come ci sono finito qui? Perché sono finito qui?

Devo scappare, voglio tornare a vivere di studio, di arte, di musica.

Aiuto!

Robo :erogun: boosted

Io lo so che la bestemmia fa un gran bene, ma le vette raggiunte dall'Occidente con la musica sacra sono incredibili, meravigliose, laicamente divine.

Il Vespro della Beata Vergine di Monteverdi lascia sempre con l'anima scossa, animata una sensazione di bellezza che difficilmente può essere descritta a parole.

youtube.com/watch?v=QJIwFO9A1f

Ah e soprattutto, ma quanto è trash far vestire Rigoletto come Joker?

Show thread

Una messa in scena del Rigoletto poco più che mediocre, con un pessimo Duca di Mantova, eccessive cosce, culi e strusciatine, decisamente inadeguati per l'opera in questione, un bravissimo Rigoletto e una Gilda un poco meh.

Ma mi son divertito.

Oggi vado a vedere il Rigoletto, finalmente. Viva l'alta cultura, che possa essere portata nelle case di chiunque!

Fa un certo effetto che tutte le cotte che ho avuto nella vita ora sono tutte quante sposate, alcune con figli. Mentre io continuo a vivere in 10mq da solo, abbracciando la stufa.

Comunque vi dirò, su molte tematiche di carattere etico-morale resto un reazionario. E ne vado fiero. Credo che la Cultura sia il patrimonio più grande che abbiamo, e che la Cultura, i libri, lo studio, rendano davvero liberi, davvero emancipati da questo orrendo mondo. Che se il capitale insiste a rendere la nostra vita un inferno possiamo ispirare i nostri furori leggendo la poesia epica, leggendo Giordano Bruno, i grandi rivoluzionari del passato, insomma... Non tutto ciò che è vecchio è brutto. Non tutto che è antico è da buttar via. La lealtà nei confronti di noi stessi, ciò è la cosa più importante. Ciò non intacca il mio anarchismo. Lo rende anzi possibile. Io non voglio vivere in un mondo "liquido", ma in un mondo forte, in una dimensione etica guerriera, dove la vittoria finale è l'anarchia.

Oggi allenamento molto duro a Kendo.
Sono tornato a casa scassato e sono col ghiaccio sulle articolazioni.

Va bene così.

La vita è dolorosa eppure va avanti.

Così il Kendo.

Oggi un "posto fisso" manda mail all'assistenza informatica. Scrive il suo (lunghissimo) numero di telefono a lettere:

"tretretrequattroottonoveduesei" (ovviamente inventato)

Ricontattato, alla domanda perché non avesse inserito le cifre risponde "Ah, ma non so fare i numeri con la tastiera del computer".

E licenziano me...

Salvatemi dai boomer che ascoltano a tutto volume TikTok al bar.

Oramai conosco tutte le musichette dei trend anche se sto social di merda non ce l'ho.

Altro match su nota app di dating.

- "Scusa, sei fidanzato?"
- "No"
- "Ma allora perché non metti foto? Non mi fido"
- "Perché non amo tenere foto sui social, se vuoi possiamo scambiarcele in privato"
- "Ma chi ti credi di essere? Cos'hai da nascondere? Ora annullo il match, guarda te"

"Già simile a l’estinto il vivo langue /
al colore, al silenzio, a gli atti, al sangue".

(...)

L’aspra tragedia dello stato umano:
I varj assalti, e ’l fero orror di morte,
E i gran giochi del caso e della sorte.

(T. Tasso, Gerusalemme Liberata, Canto XX)

Robo :erogun: boosted

Ora in timeline autogestione è visibile anche l'istanza livellosegreto.it

:antifa: :angery:

Show older
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida