La panne lubrique 

È ARRIVATA CONVALLARIA! Il primo libro della nuova collana di C.I.R.C.E. è qui 👉 bit.ly/formareadistanza.
"Cosa vuol dire formare a distanza? È possibile? Come? Raccogliamo qui una serie di contributi che raccontano, fra entusiasmi e frustrazioni, relazioni formative «da lontano», apprendimenti attraverso gli schermi digitali

what is the most important circumstance beyond your control to predict your future income? It definitely depends on where you live in EU. Keep on learning with @PaulHufe and Daniel Mahler from our joint paper. New version available here t.co/jJjDoiRlCT t.co/IOaX7ox2rA

Fonte: twitter.com/paolebru/status/12

Un bel articolo di @pepsy per una bozza di storia di (anche se non sono d'accordo sulla valutazione che dal del forum):

umanitanova.org/?p=12381

COVID NEI MATTATOI. LI CHIUDIAMO TUTTI?
NO, FACCIAMO UCCIDERE GLI ANIMALI ALLE MACCHINE

In tutto il mondo molti focolai di Covid sono nati negli impianti di macellazione, mettendo a nudo il grande rischio epidemiologico di questi posti.
Negli Usa, 12 sui 25 focolai più grandi sono nati nei mattatoi o nei centri di lavorazione delle carni.
Ma l'industria della carne non si può fermare, nemmeno di fronte a un'emergenza sanitaria.

agrifoodtoday.it/innovazione/m

So che i fronti sono tanti ed eterogenei in questi giorni, ma uno imprescindibile rimane quello per la scuola. Chi può sostenga - anche soltanto con la propria presenza fisica - le iniziative per la scuola sul proprio territorio, anche se promosse da semplici associazioni di genitori. Il momento per lottare per una scuola aperta, inclusiva, diversa da tutto quello che è stata finora, è adesso

E’ tempo di mettere serre al posto dei mattatoi.

Ashley Capps in un articolo per il sito Free from arm, propone considerazioni e informazioni sulla coltivazione dei vegetali in serra, come alternative allo sfruttamento degli Animali per la produzione di cibo. L’argomento è di sicuro molto stimolante, sebbene le soluzioni proposte in alternativa al cosiddetto ciclo della carne, rappresentano pur sempre un pesante e inaccettabile intervento sviluppista e invasivo a danno dell’ambiente e dei viventi in generale e risultano dunque non in linea con il pensiero antispecista e non condivisibili.Se davvero è giunto finalmente il tempo di sostituire il cibo derivante dallo sfruttamento degli Animali con quello di origine vegetale, è indispensabile seguire delle linee guida

veganzetta.org/e-tempo-di-mett

Grandi,
quelli della hanno fatto una nuova schermata di proposta servizi,mettendo a disposizione tutti gli altri hoster consociati.
Quindi puoi decidere che servizio ti serve e poi scegliere l'hoster che ti da una mano.

entraide.chatons.org/en/

molto carino, utile per conoscere i vari , un bell'esempio di
federazione e fiducia. poi si vede che ogni chatons ha cose molto differenti sotto, sia come software che come infrastruttura che come gestione.
infatti ogni tanto finisci in qualche yunohost, che sono distro linux per farti un server fatto in casa con un click, in altri casi ti chiede di registrarti, in altri casi sono totalmente liberi.
Consigliato alle

ps: per chi vuole approfondire su chatons, articolo in italiano:
hacklabbo.indivia.net/book/sob
chatons = gattini

paulowniatrees.eu/learn-more/p

improves the soil, controls the pollution of subsoil waters with heavy metals, chemicals and animal waste polutants, controls erosion, serves as shelter and barrier from the sun and winds, purifies the air from pollutants and releases large quantities of O2

Abbiamo tradotto questo lavoro di David Nibert e Bill Winders che ricostruisce storicamente il legame tra il sempre crescente sfruttamento animale e le politiche economiche dei governi statunitensi dal New Deal in poi. Un lavoro estremamente importante per comprendere la fitta trama di interessi che si cela dietro lo sfruttamento degli animali non umani e per articolare una controffensiva efficace alle azioni di un Capitale che fagocita umani, non umani e la natura intera vocisinistre.com/2020/05/16/co

Show more
Mastodon Bida.im

Un'istanza mastodon antifascista prevalentemente italofona con base a Bologna - Manifesto - Cosa non si può fare qui

An antifa mostly-italian speaking mastodon istance based in Bologna - About us - What you can't do here

Tech stuff provided by Collettivo Bida